“Apricot” Poem and Photo by Vatsala Radhakeesoon, Mauritius

012820161626

Apricot

Apricot

 

Some friends call her a ginger cat,
Others call her an orange cat,
But for me, she’s simply my favourite pet,
My cute and clever cat
proudly bearing the inspirational fruit’s name Apricot.

Apricot loves to drink cool cow’s milk,
A daily consumption of Canaillou and Whiskas pet food
makes her coat as soft as silk.

Apricot can catch a mouse at one go,
Like human beings she can open the windows,
She plays with the door keys and asks me to let her go
to meet her new friend, the neighbour’s cat Alexo.

Run, run, run in the garden Apricot and Alexo,
They chase the yellow butterflies and brown sparrows,
Fluffy, the grey puppy joins them too,
When the sunset says “Hello”,
Apricot whispers to her friends “Miaow, Miaow, tomorrow”;
She, then rushes home and rests on the cushion turquoise blue.

Sometimes when I feel weary and without zest,
Apricot sits by my feet and let an aura of hope manifest,
Her sweet purrs say softly “ Please, please don’t be upset.”

Vatsala Radhakeesoon


Biography

 

Vatsala Radhakeesoon was born in Mauritius in 1977.

She has had a keen interest in poetry writing and reading since a very young age. Highly encouraged by her mother, a Hindi teacher, she kept on writing. Her poem ‘Loneliness’ was first published in the widely read local newspaper, L’Express in October 1995. Vatsala has participated in poetry conventions and creative writing workshops in Mauritius and U.S.A.

Her first poetry book ‘When Solitude Speaks’ was published on recommendation of the Ministry of Arts and Culture, Mauritius in 2013. That book consists of poems written between the ages of 14 to 35. Her works emphasize on emotional, social, historical and spiritual issues.

Vatsala Radhakeesoon graduated with a MBA degree from Management College of Southern Africa. She is self-employed and continues to write poems in various languages: English , Kreol, French and Hindi. She is currently working on her second poetry book in English.

 

“I cani sentiranno la nostra mancanza” poem by Tomasz Marek Sobieraj, Poland. Painting by Sandrina Piras, Italy

amici-50x70-olio

(Painting by Sandrina Piras c/o http://www.culturanostop.it/)

I CANI SENTIRANNO LA NOSTRA MANCANZA

 

Una poltrona vuota in un angolo di una stanza,

sotto la lampada; un tavolo accanto,

occhiali, libri, telefono,

alcuni giornali e un gioco di dama sopra.

Davanti alla poltrona, un cane è seduto.

Non vuole alzarsi

e sistemarsi comodamente, come i cani

di solito fanno. Guarda. Aspetta.

Probabilmente pensa,

che questo è solo un nuovo gioco a “scomparsa”

un comportamento, infatti,

che è indegno di un uomo serio;

un altro scherzo, come lo era nel parco,

quando lui è salito su un albero e ha gettato le castagne.

Il cane aggrotta la fronte, inclina la testa,

annusa l’odore con il suo naso umido,

muovendo leggermente la coda. Si sdraia

sul tappeto, poggia la testa sulle zampe anteriori,

lotta con il peso delle palpebre, dopo un po’

si addormenta; abbaia,

corre dietro al suo padrone, è un piccolo cucciolo,

tira la stoffa, e quindi cade

in quella terribile pozzanghera vicino alla vecchia quercia.

E, naturalmente, insegue il gatto.

 

Dopo alcuni sogni del cane,

i bicchieri, i libri e la dama

scompaiono dal tavolo.

L’altare lentamente

si perde nel buio. Poi arriva l’inverno.

E il cane è ancora seduto davanti poltrona

e attende.

TOMASZ MAREK SOBIERAJ (Translation by Lidia Chiarelli)

http://tomaszmareksobieraj.blogspot.it/

https://pl.wikipedia.org/wiki/Tomasz_Sobieraj

 

 

 

” I Re Magi” poesia di Eralda Andreo Trovero, Caravino (Torino, Italy)

Adorazione Magi Gentile da Fabriano

L’Adorazione dei Magi è un dipinto a tempera e oro su tavola (173×228 cm con cornice 303×282) diGentile da Fabriano, datato 1423 e conservato alla Galleria degli Uffizi di Firenze. (Wikipedia)

Sui cammelli dall’immenso Oriente guidati

da una stella lucente sono arrivati

i Re Magi carichi di mirra, incenso ed oro,

mentre gli angeli cantano gioiosi in coro,

questi doni hanno portato

al Divin Redentore appena nato.

 

 

 

 

 

 

 

“Ora sono una farfalla” poesia di Eralda Andreo, Caravino (Italy). “Farfalla”, quadro di Gianpiero Actis, Torino (Italy)

Gianpiero Actis -Butterfly on the Seashore Road

Ora sono una farfalla

Sono nato bruco piccolino
da un uovo sotto una foglia in giardino
ho dovuto per giorni e giorni aspettare
il crescere delle mie ali per poter in cielo volare.
Ora volo sugli steli e sui fiori leggera,
per tutto il giorno da mattina a sera;
verde, rossa, nera e gialla
sono ormai una bella farfalla…

ERALDA ANDREO TROVERO

POINT Editions – poems from the world’s best: LAURA GARAVAGLIA, Italy

Laura Garavoglia

 

È tempo di scavare nella terra

È tempo di scavare nella terra

Togliere sassi, piantare radici.

Poi verranno i frutti.

Raccogliere le schegge sotto il tavolo

Entrare nella vasca di ogni giorno,

emolliente torpore per lavarsi il cuore.

Dire esperienza, oggi, e non più vita

Astratto sostantivo singolare,

scommessa inutile, illusoria partita.
Laura Garavaglia, Italia

Da La simmetria del gheriglio, Stampa 2009, 2014

POINT Editions: poems from the world’s best
known and unknown poets in English, Spanish, Dutch, Arab…
Already more than 130.000 visits!!!!
http://www.point-editions.com